Così giusto per aiutare la memoria:

Italia.it è una realizzazione della Presidenza del Consiglio – Dipartimento per l\x{2019}Innovazione e le Tecnologie supportato a tal fine dalla società Innovazione Italia del Gruppo Sviluppo Italia.
Per informazioni:
Raggruppamento temporaneo di Impresa:
IBM S.p.A.
ITS S.p.A.
Tiscover
Innovazione Italia

Redazione
Direttore editoriale: Valerio Imperatori
Vice direttore editoriale: Marta Rossato
Capo redattore: Luca Palamara
Segreteria di redazione: Claudia Galletta
Redattori:
Dora Barone
Mariagiovanna Capone
Lorenzo Caputo
Giovanni Nicois

Grafica: Emilio Di Donato
Ricerca iconografica: Susy Astone

Traduzioni: Francesca Zezza

Controllo qualità:
Adriana Correale
Paolo Correale
Giuseppe Golia
Maria Lo Basso

Supporto tecnico:
Alessia Saleri

Recruitment: Serena Santucci

Fotografie e filmati:
Foto Alinari
Agenzia fotografica Contrasto
Agenzia fotografica Corbis
Agenzia fotografica Photopolis
Agenzia fotografica Fotolia
Ansa
Studio di registrazione Gree Movie Group S.p.A.
Studio di registrazione Cat Sound s.r.l.
Andrea Forlani

Hanno collaborato:
Studio Agor?
Claudia Buccellati
Gabriella Calò
Mauro Covacich
Marina D\x{2019}Apice
Germana Luisi
Antonio Mango
Annalisa Palmieri
Espedito Pistone
Fiorella Taddeo
Marina Tagliaferri

Secondo gli ISP Britannici Viviane Reding Commissario Europeo alle telecomunicazioni è la più “cattiva” di internet per il 2006. Secondo gli ISP la nomina è dovuta alle procedure cervellotiche per l’assegnazione dei domini EU, sopratutto nel sunrise period. Ma a ben pensarci (o a pensar male) il Commissario ha suggerito alle compagnie telefoniche di abbassare le tariffe di roaming all’estero, altrimenti sarebbe intervenuta lei a dare qualche sistemata. Ora pensando che dietro un ISP c’è sempre una compagnia telefonica, da cosa può dipendere tale nomina?

Nello scorso autunno, il Sundance Institute, fondato da Robert Redford e organizzatore del più famoso festival di cinema indipendente del mondo, aveva annunciato la volontà di commissionare a cineasti indipendenti una serie di cortometraggi realizzati appositamente per i telefoni cellulari.
Dopo essere stati proiettati in anteprima al 3GSM World Congress di Barcellona, adesso possono essere visti scaricati dal pubblico di tutto il mondo.

Ecco i link:

http://e-clips.mobi/zr/videos/King_Tiny_15474.3gp
http://e-clips.mobi/zr/videos/Skateboard_15479.3gp
http://e-clips.mobi/zr/videos/Reno_15478.3gp
http://e-clips.mobi/zr/videos/La_Revolucion_de_Iguodala_15475.3gp
http://e-clips.mobi/zr/videos/A_Slip_in_Time_15471.3gp

In realtà dovreste andare sul sito (http://www.sundance.org/globalshortfilms) ed inviare in sms ad un numero, dopodiché vi mandano un link ad una pagina che contiene i filmati, da vedere con il telefonino.

Posto che, dal punto di vista tecnico, la sigla Web 2.0 è un semplice marchio registrato dalla Wrox Press, dal punto di vista dei contenuti vuol dire questo:

Non ci posso credere! Il Lisp (List Processing) meglio conosciuto come Lots of insipid stupid parentheses, è un linguaggio vivo e vegeto, ed il prossimo aprile c’è una conferenza internazionale. Anche il Prolog sembra godere di ottima salute.

Dopo aver visto Il labirinto del fauno, ho voluto vedere qualche lavoro precedente. E scopro che La spina del diavolo è addirittura del 2001. E’ stato fatto uscire di recente proprio grazie al successo del Labirinto e dei prodotti Hollywoodiani di Guillermo Del Toro. Non ho visto i precedenti due HellBoy e Blade II, ma ho visto Blade I che mi è sembrato la solita cavolata made in Hollywood. La spina del diavolo, invece ha molti punti di contato con Il labirinto del fauno: il periodo storico, il mix tra realtà e fantasia, anche se qui è pittosto un horror. In definitiva un bel film, da vedere.

Citazione:

“Che cos’è un fantasma? Un evento terribile condannato a ripetersi all’infinito Forse solo un istante di dolore Qualcosa di morto che sembra ancora vivo Un sentimento sospeso nel tempo Come una fotografia sfocata Come un insetto intrappolato nell’ambra”.

Il labirinto del FaunoE’ uno dei migliori film di questa stagione. Non sono affatto daccordo sul fatto che sia un film incompleto. Più che chiedersi della presenza di tutta quella violenza in una favola, bisognaiterrogarsi sulla forza di una bambina che al centro di tutta quella violenza riesce ancora a sognare. L’unico modo che ha per salvarsi.

Osservando l’ottima tecnica di parcheggio (e non solo) dei romani, la domanda nasce spontanea: tutto ciò dipende anche dal fulgido esempio dato dalle forze dell’ordine? Poi ti svegli una mattina e:

Vigili e parcheggio