Le poste italiane hanno rinnovato in questi giorni l’interfaccia web della loro posta. Oltre ad un piacevole rinnovo estetico e di velocità, sono stati attuati una serie di cambiamenti in vista di una maggiore sicurezza. Infatti è stata dedicata un’apposita area di cartelle alle comunicazione da parte di Poste ai propri clienti. Nel primo messaggio di quest’area è specificato che tutte le comunicazioni in formato elettronico da parte di Poste verso i propri clienti avverranno solo in quest’aera, in più i messaggi avranno la marcatura PEC. Ottimo per limitare il fenomeno del phishing verso Poste.it.

Un’altra aggiunta è rappresentata da un calendario personale nel quale è possibile registrare degli appuntamenti.

Ci sono due nei, però, il primo è che l’applicazione non funziona con Google Chrome, la seconda è che se si riceve un messaggio di posta certificata, l’interfaccia va in errore e bisogna uscire e rientrare per far rifunzionare tutto.

Bruce Schneier è un noto esperto di sicurezza (informatica e non) da un giudizio delle strategie dei due canditati sulla sicurezza informatica:

Obama prevede

It’s basically what you would expect: Appoint a national cyber security
advisor, invest in math and science education, establish standards for
critical infrastructure, spend money on enforcement, establish national
standards for securing personal data and data-breach disclosure, and
work with industry and academia to develop a bunch of needed technologies.

McCain supposedly is  “working on the issues” as well

Insomma il piano di McCain è perfettamente in linea con la presidenza Bush: non fare niente per la sicurezza informatica e non.