Archivi categoria: Giornalismo

Prendersela troppo

Dicono che dopo un post di un bloggher in cui si dichiarava che "Geminello Alvi ce l’ha piccolo", Geminello Alvi abbia scritto una dura invettiva contro i Blog. Anche se adesso il post sembra essere stato rimosso, per cui è difficile sapere chi sia stato. La cosa migliore è che il bloggher in questione si faccia avanti e chieda scusa.

L’indignato speciale

Sul treno per Milano passa l’indignato speciale del TG5, Andrea Pamaparana, butta l’occhio sui monitor dei viaggiatori in modo evidente. Se ripassa e lo rifà lo mando a quel paese in modo speciale.

Michele Serra

Michele Serra come Berlusconi. Vuole controllare ciò che viene pubblicato in rete, il motivo? Sembra che se un giornale pubblichi una notizia falsa, e poi un qualsiasi bloggher discuta la notizia, il fatto che la notizia sia falsa dipende dal bloggher che ne discute senza controllo. I dettagli con più particolari qui.

Eppure una volta Serra sembreva una persona diversa!

Funzino apocrifo Reprise/2

Vedo che le mie pagine per il funzino apocrifo sono ancora in ottima posizione nella ricerca di Google. Noto anche che un sacco di fresconi, hanno ripreso i vari articoli che esaltavono il fatto che un gruppo di studenti Italiani avevano beffato Google & Co. Inutile dire che i soli gabbati sono quelli che credono in quei articoli. Il motivo l’ho già spiegato qui, qui trovate un’altra opinione oltre la mia sul perché l’articolo di Repubblica & Co è pura fuffa.

Il web che verrà

Interessante segnalazione di Vittorio Zambardino sui movimenti del Guardian per acquisire nuovi spazi all’epoca del “web 2.0”. Mi viene subito da domandarmi e i giornali italiani cosa fanno? Da quello che si osserva sono impegnatissimi nell’aumento della presenza di articoli a sfondo sessuale e a demonizzare “internet”. Non mi stupirei se come al solito, poi, per salvare la situazione i giornali italiani chiedano un aumento dei finanaziamenti pubblici ai giornali, ovviamente per salvaguardare la libertà di parola di noi poveri italiani, mica per pagare lo stipendio ad una cospicua fetta di cialtroni.

Studio Aperto e l’Appia Antica

Mitico servizio di Studio Aperto, nell’edizione di mezzogiorno, sul degrado dell’Appia Antica. Per mostrare il degrado vengono mostrate delle scritte fatte sui piloni del cavalcavia di via Cilicia, che passa sopra il tratto iniziale dell’appia antica, proprio Porta San Sebastiano. Ed addirittura la cialtrona che ha confezionato il servizio è riuscita a scovare un sacchetto dell’immondizia che veniva trasportato dal vento lungo la strada che doveva dimostrare lo stato di degrado della zona. Ora siccome è una zona che conosco molto bene (ci vado spesso in bici) posso affermare che l’intero servizio è l’ennesima riprova della cialtronaggine che regna a Studio Aperto. Il bello è che il servizio si apriva con la segnalazione di fantomatici articoli di giornali inglesi che parlavano della situazione di degrado. In realtà nei giorni scorsi ci sono stati alcuni articoli, ma tutti si riferivano al fatto che il parco dell’Appia Antica è un parco un po’ sulla carta. E vero che che ci sono una serie di vincoli che per fortuna riescono a mantenere la zona abbastanza integra, ma parecchie zone del parco sono di proprietà privata, ville, circolo del golf ecc, per cui come dice il New York Times la zona è/potrebbe essere vittima dei nuovi barbari. Per cui in molti auspicano che tutta la zona diventi proprietà pubblica per evitare qualsiasi speculazione.

Per altre cialtronaggini di studio aperto vi rimando al blog apposito.

Funzino Apocrifo Reprise

Ieri ho scritto che una delle possibili scelte dei termini del posizionamento per il concorso era funzino apocrifo del mediterraneo, e che rispetto a tali termini l’OrsoCagone non si posizionava molto bene. Ed invece oggi è bastato ricontrollare per accorgermi che rispetto a tali termini l’OrsoCagone compare nella prima pagina dei risultati di Google. Non c’è che dire un bel risultato. Faccio anche io un titolo simile a: “il funzino apocrifo” beffa Google …; del tipo l’OrsoCagone beffa Google, cattivi odori sui motori di ricerca.

Piuttosto questi pochi accenni per comparire nei riultati dei partecipanti al SEO contest mi fanno capire che di SEO c’è ne sia stato ben poco.

OrsoCagone vs Funzino Apocrifo

Ieri ho scritto delle castronerie scritte da Riccardo Bagnato nel suo articolo sul Funzino Apocrifo. Oggi effettuando un controllo sul posizionamento del mio articolo nell’indice di Google, per le parole “Funzino Apocrifo”, mi sono accorto che il mio articolo compare nella quarta pagina dei risultati. Questo è già più incredibile. Il mio sito non ha certamente un ranking alto, ne link esterni notevoli, eppure già così è arrivato in quarta pagina. E’ incredibile.

Mi accorgo ora che le stesse castronerie sono ripetute in un articolo sul sito dell’Università dell’Acquila.